UX-UI trends del 2020/21

Quali tendenze dell’interfaccia utente hanno funzionato lo scorso anno e quali probabilmente continueranno a farlo quest’anno? Nonostante la pandemia globale il mondo del web e dell’Ui design non si è fermato.
Rimanere aggiornati sulle novità nel settore del design, su ciò che è utile (o no) e su ciò che sta cadendo in disgrazia è fondamentale per i designer di interfacce che vogliono essere in grado di offrire ai propri clienti idee innovative, soprattutto perché molti trend sono figli di esigenze tecnologiche o sociali specifiche (ad esempio l’uso degli smartphone sempre maggiore..).

Un trend molto in voga nel 2019 ad esempio è stato quello dei gradienti fra colori accesi! 

1“SPEED FIRST”

Siamo iperconnessi e sovraccaricati di informazioni e vogliamo tutto e subito. Più passa il tempo e meno pazienza abbiamo, ci stiamo abituando ad avere tutto il mondo a portata di qualche click. Questo come ci aiuta nella nostra ricerca del design web perfetto? I siti web devono caricarsi il più velocemente possibile, il web design deve dare la priorità alla velocità di caricamento già dalla progettazione del sito.

No immagini e video pesanti
No sovraccarico di javascript
Streaming che funziona
AMP per caricare in mobile
Un web server che funziona (il massimo sarebbe solo per noi!)

 


2.MOBILE FIRST

Mobile Friendly o Responsive? No, mobile first.

Nel 2019 dire che un sito sarà Responsive, significa non essere al passo con i tempi. Ok, queste affermazioni sono un po’ forti, ma voglio essere così drastico perché bisogna avere chiaro un concetto: Mobile is the King.

Il 70% del traffico internet arriva da Mobile!

 


3.MENU’ SEMPLICI, MENO VOCI, PIU’ ESPERIENZA

Il mondo è oramai “mobile”. Nel 2020 è sotto gli occhi di tutti: esistono più smarphone che computer. Smartphone e tablet sono il punto di riferimento per la comunicazione digitale e comporta scelte che influenzano direttamente il layout dei siti. La necessità di navigare su un sito in modo semplice e veloce ha influenzato anche il modo di progettare l’architettura di un sito.  “Mettere a dieta” un menù non solo migliora la user experience, ma rafforza la concentrazione sui contenuti riducendo il tempo di abbandono della pagina e il bounce rate.

www-web-design-2017-05


4.TECNOLOGIA VOICE

Secondo un sondaggio (USA 2019) della Dell oltre il 62% degli intervistati utilizza un assistente virtuale basato sulla voce, principalmente tramite telefono o computer. Un’altra ricerca pubblicata da Statista ha definito che più del 50% degli intervistati utilizza un’interfaccia utente vocale.

 

5.DARK MODE

La Dark Mode Interface è sempre più frequent, introdotta come trend da Apple sul finire del 2019, viene già ripresa da molte altre aziende che primeggiano nel design.
Moltissime app si sono infatti adattate a questa modalità, prima fra tutte Instagram.
L’interfaccia in dark mode non solo permette di caratterizzare in modo particolare gli elementi (spesso associati a colori forti o fluorescenti), ma aiuta l’occhio a non stancarsi troppo, facilitando la navigazione dell’utente ed aumentandone il tempo di permanenza.

 

5.Le Microanimazioni

Le micro-animazioni coinvolgono e attirano lo sguardo e facilitano la navigazione. Rappresenta il modo per ricevere un feedback diretto della risposta dell’utente. Come? Javascript, CSS o GIF!

Una piccola libreria: https://blog.bitsrc.io/11-javascript-animation-libraries-for-2018-9d7ac93a2c59

6. I video

Un trend da diversi anni. Un video riesce a comunicare più velocemente rispetto ad un testo o ad un’immagine. La durata della visita di un utente non è molto alta, ma per un video si è disposti a spendere dai 2 ai 5 minuti in più.

Ecco alcune statistiche, tratte dalla ricerca “The State of Video Marketing 2019”, che ti faranno capire come il video sia un trend del web design da non sottovalutare.

– Il 96% degli utenti guarda un video per avere informazioni più dettagliate di un prodotto.
– Il 79% dei consumatori dichiara che il video di un prodotto li ha convinti all’acquisto.
– Il 68% dei visitatori preferisce guardare video piuttosto che leggere.
– L’84% dei manager afferma che il video marketing incrementi notevolmente il traffico sul sito.

 

7. Imperfezioni e broken grids

L’idea di questo nuovo approccio è quello di abbandonare l’incastonamento a volte troppo rigido delle colonne, in favore di elementi che si sovrappongono e che si intersecano l’uno con l’altro.

Per creare veramente qualcosa che catturi l’immaginazione dell’utente, le società di e-commerce hanno introdotto il concetto di visualizzazioni a griglia e layout asimmetrici. La griglia è composta da linee immaginarie che aiutano gli elementi del layout sulla pagina a rimanere in ordine. Pur costruendo una griglia responsive per essere unici si può implementare una tecnica a griglia spezzata e posizionare gli elementi di design in modo più caotico (a patto di riuscire a comunicare bene!)

 

8. Mix di fotografie e disegni

Questa tendenza simile al collage è versatile e si può usare per aggiungere  un fascino speciale alle fotografie del prodotto. È un modo per personalizzare le tue immagini e aggiungere più personalità al tuo web design.

 

9. Uso del serif nei titoli

Una delle tendenze di design più rinfrescanti fra il 2019 e il 2020 è l’utilizzo di stili di tipografia più vintage.

Più caratteri serif, lastre arrotondate ed elementi di testo che sembrano avere un aspetto più antico. Questi stili vintage sembrano avere linee più audaci  di alcuni dei più sottili sans serif che sono stati popolari negli ultimi anni.

10. Il Pantone dell’anno

Ogni anno Pantone indica il colore dell’anno.. sempre darci un occhio!

Panton è nome commerciale di un sistema di codifica e di identificazione dei colori impiegato in grafica, in editoria e in tipografia.

11. Copywriting che aiuta l’UX

Al giorno d’oggi, non basta essere solo un’azienda con un ottimo prodotto e un servizio perfetto. Gli utenti vogliono far parte del marchio popolare, della sua storia e della sua unicità.
E’ quindi necessario rendere i testi del sito web più informali perché gli utenti sono annoiati dalle frasi standard. Molte aziende hanno cambiato il loro stile di comunicazione. L’obiettivo è renderlo meno formalizzato e più simile ad un dialogo normale. Inoltre, puoi aggiungere un pizzico di umorismo, ma dovresti rimanere entro i limiti e conoscere il pubblico di destinazione con cui interagisci.

12. Realtà Aumentata

Bisogna enfatizzare le interazioni che sembrano aver luogo nell’ambiente del mondo reale.

Google e Apple hanno già introdotto le proprie piattaforme di sviluppo AR, ARCore e AEKit, che fondono il mondo fisico e quello digitale.

Un principio della realtà aumentata, infatti, è quello dell’overlay. Un esempio? La fotocamera legge l’oggetto nell’inquadratura, il sistema lo riconosce e attiva un nuovo livello di comunicazione che si va a sovrapporre e a integrare perfettamente alla realtà, potenziando la quantità di dati di dettaglio in relazione a quell’oggetto.

13. Popup call to action

A volte sono fastidiosi ma spesso portano risultati. Negli ultimi tempi, l’uso del pop up si è espanso notevolmente nel mondo del marketing. Un chiaro esempio è quando viene utilizzato in un e-commerce dato che è un elemento di sicurezza quando viene aperta una finestra per effettuare il pagamento.

Ma nel caso del marketing, molte aziende utilizzano questa funzione per promuovere ciò che stanno offrendo come servizio o prodotto. Cercano anche di far crescere il loro database, fare offerte o convincere gli utenti a iscriversi al blog, tra le altre azioni. Ma il più delle volte, il loro obiettivo principale è migliorare le conversioni ottenendo ad esempio dei nuovi lead (ad esempio per iscriversi ad una newsletter).